Free songs
Photo retouching: right or wrong ?

Photo retouching: right or wrong ?

Be Sociable, Share!

Some people viewing my photographs often ask me if they are retouched or not.

Ansel Adams in front of two prints of his famous shot “Moonlight” (the netral print on the left, the processed print on the right

The first question arising is the following: what does it mean “original photography”?
Photograpy is a representation of reality and not the reality itself. Even the human eyes act as a bandpass filter respect to the electromagnetic radiation and due to that they are unable to see all the existing spectrum of frequencies. Human vision is indeed confined to a small portion of the spectrum, named visible light. Those electromagnetic radiation usually have approximate wavelengths spanning in the range between 400 up to 700 nanometres (one billionth of a metre). Our brain is able to associate what we name colors to the different wavelengths, from the red light of longer wavelengths up to the violet one represented by the shorter wavelengths. Finally all human eyes are different resulting in person-to-person different perception of visible light. That’s not enough. Many researcher believe even the color perception could be different by person-to-person, and it can change based on age, gender, language, origins and community in which you live. Bounding the matter just to black and white photography doesn’t help because of nothing is more far way from reality than a monochromatic picture.
The world is doubtless in color and the number of feasible representations of a scene with the black and with methods is unlimited. The same rules above are valid for the cameras too. You can make a test shooting the same scene with two different digital cameras, even setting the same exposure (aperture/shutter speed values). You will likely get two different images. The reason is because of any camera gets the light throughout its own sensor (its “electronic eye”) and processes the information with its own proprietary software, releasing its unique outcome in a digital file (raw format). If we require the outcome as a jpeg file we will likely get even more different results, due to the proprietary software additional work to convert the format from raw to jpeg and according to our choises in camera settings. The same applies to the previous analog world. In that case you have different films, a lot of photographic paper choices and print processes resulting in different outcomes.
A second point to exploit is the following. Despite the high levels reached by technology, as of today neither the analog cameras either the digital ones can’t achieve the quality and the excellence of the human eyes. The sensitivity to the light of human eye is adaptive and non-uniform, allowing to get a large number of details with a superior definition respect to all cameras in the market. Moreover in the human being the brain is able to process information connecting them to former experiences. The brain get and process the real color of the objects, this allowing further acknowledgements with no regards to the specific light conditions. Cameras are unable to do the same. For istance if you take a picture in a room with low light condition the white wall could appear of a yellow color.
For all the above reasons it’s clear the need of the digital enhancement process in photography. The best starting point is to have the digital file in raw format, allowing a better control of the outcomes to the developer. Using this process it’s possible to achieve a better quality of the image, to correct any sensor problem and even to reproduce the effective sensations and emotions have been the reason of our shoot. The post-processing in photography isn’t a new matter coming with digital cameras. In the analog photography some techniques have already been used for better results in the darkroom. Color filters, photographic paper with different sensitivity and “burn&dodge” masks are just some examples of these techniques. In the website of Fourandsix Technologies company, leader for altered imaging aknowledgement software, you can fin dover 140 famous images taken since 1860 that have been retouched during the printing process.

Magnum - james dean

A Dennis Stock’s photography (Magnum Agency) with James dean in Times Square (the neutral print on the left, the enhanced print in the darkroom on the right).

The main difference is that nowadays the tools (software and digital cameras) can be used by a larger number of people then on the past. It doesn’t mean that because of all of us are able to write all of us are poets!
In my mind when we talk about any artistic expression define fixed rules is not useful, even better it could be reductive. Due to that I guess it’s not feasible to fix any boundaries in which the post-production process could be accepted or not. However we can agree that in any case the post-production means manipulation of the image, for instance changing color hue or with addition or disposal of elements – a classic example is represented by the photomontage – we leave the photography to embrace the digital art. Boundaries, as I already said, have no value and the matter is fully subjective.
Coming back to the starting point, that is to the starting question, in my mind I guess an “original photography” is a fiction. We have a continuous process beginning from the perceived image in the photographer’s mind so he select a particular shot, he selects the exposure, proceeding with a digital enhancement in post-production, resulting in the final photography.
My personal workflow starts from the raw format digital file. Usually I adjust the contrast, the sharpness reduce the noise, modify the color saturation and white balancing but strictly avoiding to modify the tonal ratio of colors. The pixels of the images don’t change anyway, no addition or cancellation of elements of the captured image. The following picture represents an example of post-production of one of my photography included in my last self-published book titled “On the streets of Manhattan (the just desatured raw file on the left, the final result on the right).

afterbefore02

As a bottom line whatever you think the post-production matter is and maybe always will be a source of perpetual debates without “winners” or “losers”.

Back

* * * * * * * *

English version 

 Fotoritocco: lecito o illecito ? Questo è il dilemma.

Spesso capita che guardando le mie fotografie qualcuno mi chieda se queste siano state “ritoccate” rispetto all’originale.

Ansel Adams davanti a due stampe del suo celebre scatto “Moonlight” (a sx la stampa “neutra” senza interventi, a dx la stampa elaborata in camera oscura)

Una prima premessa da fare è: cosa si intende per foto “originale” ?
La fotografia è una rappresentazione della realtà e non la realtà stessa.
Lo stesso occhio umano opera come un filtro rispetto alle onde elettromagnetiche e non è in grado di vedere tutto lo spettro di frequenze ma solo una parte di esso detto per l’appunto visibile. Tipicamente le onde elettromagnetiche che chiamiamo luce visibile hanno una lunghezza d’onda compresa tra i 400 e i 700 nanometri (miliardesimi di metro). A differenti lunghezze d’onda il cervello associa ciò che noi chiamiamo colori, dal rosso delle lunghezze d’onda maggiori passando per tutta la gamma fino al violetto delle lunghezze d’onda minori.
Gli occhi umani non sono tutti uguali e lo spettro visibile varia quindi da persona a persona.
Ma non solo, molti ricercatori sostengono che anche la percezione dei colori è diversa tra le persone, mutando a seconda dell’età, del sesso, della lingua parlata e delle origini di provenienza o della comunità in cui si vive.
Limitando poi il discorso alle immagini in bianco e nero, nulla è più distante dalla realtà che una immagine monocromatica. Il mondo è indubbiamente a colori e il numero di possibili rappresentazioni di una scena attraverso il bianco e nero, sfruttando le sfumature dei grigi e giocando sul contrasto è di fatto infinito.
Per le fotocamere vale più o meno lo stesso discorso dell’occhio umano. Se provate ad effettuare una stessa fotografia con due fotocamere digitali diverse, seppur regolate nello stesso modo (coppia diaframma/tempo), otterrete quasi certamente due immagini diverse. Questo in quanto ogni fotocamera catturando la luce dello scatto attraverso il proprio “occhio” rappresentato dal sensore ed elaborando le informazioni attraverso il proprio software interno, ci rende in un file digitale (formato raw) una sua “immagine unica”. Se realizziamo l’immagine in formato jpeg le varianti saranno anche maggiori dipendendo dal particolare algoritmo impostato dal costruttore per la conversione raw/jpeg e dalle impostazioni da noi scelte nella configurazione della fotocamera.
Lo stesso può dirsi delle immagini prodotte con fotocamere analogiche, per via sia delle diverse sensibilità delle pellicole e delle carte per stampa utilizzate sia dei diversi processi di stampa.
Una seconda osservazione è che pur avendo la tecnologia raggiunto degli standard molto elevati, ad oggi né le fotocamere analogiche né quelle digitali sono in grado di raggiungere i livelli di qualità e la perfezione dell’occhio umano. L’occhio umano ad esempio ha una sensibilità alla luce adattiva e non uniforme, contrariamente ai sensori fotografici, e questo gli consente di catturare molti più dettagli con una definizione decisamente superiore rispetto ad una macchina fotografica. Inoltre nell’uomo la percezione visiva è realizzata con l’intervento del cervello che elabora le informazioni correlandole alle esperienze pregresse. Il cervello acquisisce e conosce il vero colore degli oggetti e quindi in qualunque condizione di luce riconoscerà il colore di un oggetto indipendentemente da fattori di luce che tendono a modificarlo. La fotocamera non è in grado di fare lo stesso. Scattando ad esempio una foto in una stanza illuminata con delle lampade ad incandescenza una parete bianca ci apparirà gialla.
Per quanto illustrato sopra è evidente che anche nel mondo digitale è necessario uno sviluppo delle immagini in post-produzione (fotoritocco), certamente partendo dal formato raw che consente il massimo controllo e intervento allo sviluppatore. In questo modo è possibile far rendere al meglio le foto, correggere alcune problematiche dei sensori o semplicemente riprodurre quelle sensazioni e quelle emozioni che ci hanno indotto a scattare. Chi poi pensa che la presunta oggettività interpretativa della realtà nella fotografia sia venuta meno nell’era digitale commette un grosso errore. Già in camera oscura nella fotografia analogica venivano utilizzate tecniche per un miglior risultato finale, quali la scelta della gradazione della carta di stampa, dei filtri colore o semplicemente tecniche di mascheratura per schiarire o scurire particolari zone dell’immagine.
Per dirla in altro modo la post-produzione non è nata con l’avvento dell’informatica e dei vari software di fotoritocco, ma molto molto tempo prima. Nel sito della Fourandsix Technologies, azienda leader di software per il riconoscimento di foto alterate, sono riportate oltre 140 celebri foto scattate dal 1860 in avanti, ritoccate ed elaborate in fase di stampa .

Magnum - james dean

Una fotografia di Dennis Stock (Agenzia Magnum) che raffigura James dean in Times Square (a sx la stampa “neutra”, a dx quella elaborata in camera oscura).

Ovviamente la differenza sostanziale è che gli strumenti di oggi (fotocamere digitali e software) possono essere utilizzati da un numero molto più ampio di persone rispetto agli strumenti del passato. Questo però non vuol dire che poiché tutti sappiamo scrivere tutti siamo diventati automaticamente dei poeti!
In tutte le espressioni artistiche definire degli schemi rigidi è, dal mio punto di vista, estremamente riduttivo e controproducente. Per questo ritengo che non sia possibile stabilire dei limiti entro cui la post-produzione può essere accettata o meno. Si può comunque considerare che quando la post-produzione diventa estrememente importante, ad esempio con alterazione significativa dei colori o con mutamenti sostanziali della scena ritratta aggiungendo o togliendo elementi – un classico esempio è il fotomontaggio – ci si allontana dalla forma fotografica per avvicinarsi alla digital art. Come già detto stabilire dei confini ha certamente poco valore, ha un alto grado di soggettività ed è compito estrememente arduo.
Ritornando al punto di partenza ovvero la domanda da cui siamo partiti, per quel che mi riguarda, non esiste una foto ”originale” di partenza, ma un processo continuo che parte dall’ immagine percepita nella mente del fotografo che lo porta a scegliere una certa inquadratura, ad impostare dei valori di scatto diaframma/tempo, per proseguire con il processo di post-produzione, e che termina con il risultato dell’immagine finale.
Le mie realizzazioni sono effettuate a partire dal file digitale grezzo (raw file). Il mio processo di post-produzione è fatto generalmente di regolazioni di contrasto, aumento della nitidizza e riduzione del rumore, regolazioni dei livelli di saturazione e del bilanciamento dei colori senza però alterare il rapporto tonale gli stessi. A volte alcune aree dell’immagine possono aver necessità di essere selettivamente schiarite o scurite. I pixel dell’immagine non vengono mai alterati in alcun modo ovvero non vengono eliminati o introdotti elementi nell’immagine ripresa.
Di seguito un esempio di post-produzione di una mia fotografia tratta dal mio ultimo libro auto-pubblicato
On the streets of Manhattan” (a sx il file raw semplicemente desaturato, a dx il risultato finale).

afterbefore02

In conclusione, comunque la si pensi, il tema del fotoritocco è stato, è e sarà fonte di dibattiti perenni, senza “vincitori” né “vinti”.

Torna inizio articolo

2 Responses

  1. Coloro che vengono dalla vecchia scuola del film e della carta sviluppati chimicamente non si pongono certe domande.
    Fin dal primo rullino e la prima fotografia processata ci si rende conto che le immagini non sono tutte come le abbiamo viste nel mirino all’istante dello scatto. Aggiungi errori che si scoprono solo al momento della stampa (chimica) e il ritocco diventa una necessita’ quotidiana per il fotografo.
    Ma non basta; delle foto potevano essere leggermente fuori fuoco e non repetibili, la luce poteva giocare scherzetti da prete, qualcuno immancabilmente aveva gli occhi chiusi e le grandangolari non avevano la correzione automatica.
    La prospettiva doveva essere generalmente corretta allo stampaggio (imagina il metodo)… e potrei aggiungeree molti altri trucchi da farsi all’oscuro!
    E’ pacifico assumere oggi che le macchine fotografiche digitali pur avanzate al punto estremo non sono perfette, anzi piu’ si va avanti e aumentano le tecniche dei sensori (36 MP per uso generale!) piu’ sono evidenti i peccatucci del fotografo.
    Ergo i programmi di correzione e di manipolazione delle immagini sono e saranno sempre i pennelli disponibili al fotografo-artista-pittore per migliorare e rendere piu’ piacevole un’immagine altrimenti ordinaria.
    La composizione, a mio avviso, e il partire da una buona esposizione sono le qualita’ necessarie, il ritocco e’ il cacio sui maccheroni.

    Ernesto Carbonelli (Toronto)

  2. Fotografare è il mio passatempo preferito dopo leggere.
    La soddisfazione di fermare un attimo della tua esistenza in una foto e possibilmente mantenerla in eterno dà vita alla creatività. La manipolazione degli scatti, fatti da un oggetto che per quanto perfetto manca sempre di elementi visivi umani, ne perfeziona il risultato accostandolo piú artisticamente ad un ideale che tutti noi abbiamo pur se in infinite variazioni individuali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *